ALFABETO, DI CALCIO D’AMORE ED ALTRE SCIOCCHEZZE

Data

Dic 03 2022

Ora

21:00

Costo

€5.00

Etichette

PROSA

ALFABETO, DI CALCIO D’AMORE ED ALTRE SCIOCCHEZZE

Il progetto Station 2 Station  porta in scena più di 53 eventi gratuiti e a pagamento sul territorio della Città Metropolitana di Torino: principale azione in Borgo Vittoria, con al centro la zona mercatale di via Chiesa della Salute, il complesso del Santuario di Nostra Signora della Salute, con annesso il Teatro Murialdo.

Piazze, i giardini e cortili saranno “invasi” da centinaia di artisti che porteranno in scena spettacoli teatrali, concerti live, letture, street art, danza, teatro sociale e di comunità, fino alla cura della persona.

ALFABETO

Alfabeto è un processo formativo, un progetto editoriale e uno spettacolo incontinua evoluzione da quando è nato, nel 2011. La storia è quella di un corpoe di un ‘ anima, il loro eterno perdersi e ritrovarsi. Ognuna delle 21 parole che gli attori vivono e attraversano è una prova, un passaggio,  un mondo e  un ‘infinita possibilità di storie, in continua trasformazione e ricombinazione con le altre. Diversità, unicità, molteplicità : sono queste le manifestazioni visibili dell’ eterno, malcelato dietro forme e  vicende umane. L’alfabeto è un modo di ordinare il caos della realtà : sotto ogni parola vi sono stratificazioni ancora da scavare, storie e memorie sepolte, vite in attesa di essere lette.

Il progetto tribalico nasce nel 1998 all’interno dell ‘ Au.Di.Do. – Autogestione Diversamente Dotati – di Alpignano ( TO )  e da allora ha continuato a sviluppare consapevolezza e promuovere la cultura della diversità attraverso il teatro, la danza, la scrittura.

Urzene è un progetto culturale che si occupa di sviluppo creativo, segno, scrittura e teatro.

Testo e regìa Alberto Valente
In scena Roberta Campagna  Alessandra Lavazza  Giulio Paiuzza  Sannio Giordano Marco Crepaldi  Alberto Valente

Info
www.urzene.it

www.urdiario.wordpress.com

fburzene
info@urzene.it
___________________________________________________________

DI CALCIO, D’AMORE E DI ALTRE SCIOCCHEZZE

testo e drammaturgia Di Pino Potenza
con Luca Lusso e Pino Potenza

Per noi il calcio è il gioco del pallone. Con questa frase Enzo convince suo fratello Carmine, di 5 anni più vecchio e di cui Enzo ha la tutela legale, a prepararsi perché sono attesi in tribunale per una causa civile che determinerà se Enzo potrà mantenere ancora la tutela del fratello o no.

Enzo e Carmine hanno una gran passione: il gioco del calcio che per loro è semplicemente il gioco del pallone. Entrambi hanno giocato in squadre semiprofessionali nonostante l’autismo di Carmine. E anche in campo Enzo ha protetto e difeso suo fratello con affetto e paziente comprensione.

Nell’anticamera del tribunale, per ingannare il tempo e l’attesa, rivivono, rivolgendosi a un ipotetico usciere, le gesta della loro vita di fratelli… raccontano della loro infanzia, di come hanno scoperto il calcio, di quanto piacesse loro giocarci a pallone e di altri fatti e fatterelli della loro esistenza… e in ogni loro racconto emerge la forte relazione affettiva e fraterna che li unisce.

Sospettano che il Giudice li abbia convocati per una rissa di tanti anni fa, scatenata da Enzo al termine di una partita di calcio a cui avevano partecipato… ma le ragioni sono altre che saranno chiare man mano che i racconti di entrambi procederanno verso il finale… in cui si dubiterà (almeno così vorrebbe la legge) che Enzo e Carmine sono fratelli.

… già il finale…

che sarà la conseguente conclusione di quanto essi stessi hanno raccontato e di come per loro la vita ha un valore semplice e preciso… e di quanto è importante nella loro relazione fraterna sia stato il calcio, l’amore e le altre sciocchezze che son parte essenziale della biografia di Enzo e Carmine.

  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

×

Hello!

Click one of our contacts below to chat on WhatsApp

× Chatta con Romeo